Accademia Internazionale Calcio

Scarica l'App per la migliore esperienza su mobile e ricevi tutti gli aggiornamenti!

Scarica

24

Ago

FRANCESCO CARIA: FUTURO ALLA VIRTUS ENTELLA

Difficile che dopo una stagione a così alti livelli non si attiri l'interesse di società importanti. Non si sottrae a questa logica anche Francesco Caria, fresco giocatore della Virtus Entella dopo aver vestito la maglia di Accademia Inter per tre stagioni.

Abbiamo voluto sentirlo a proposito di questa nuova avventura.

 

Ciao Francesco raccontaci la tua storia calcistica.

Ho iniziato a giocare a 6 anni nell'Accademia Sandonatese fino ai 10 anni, poi sono passato all'Enotria dove ho giocato per tre anni. Successivamente sono arrivati in Accademia Inter, dove sono rimasto per altre tre stagioni.

E qual è il bagaglio di esperienza che ti porti dietro dopo questi anni?

Sono passato in Accademia Inter perché sicuramente a livello dilettantistico è una delle società più importanti. A questo proposito posso dire di essere cresciuto molto, sia a livello tecnico che dal punto di vista umano.

Ora l'Entella, ti senti responsabilizzato dalla possibilità di indossare una maglia così importante?

Sicuramente è un grande passo arrivare in una società così importante e mi sento sicuramente responsabilizzato. Arrivare in una squadra del genere è molto difficile, ma credo che sarà ancora più complesso rimanere a questi livelli, e io farò di tutto perché ciò avvenga.

Tornando agli anni in Accademia, qual è un ricordo che ti lega alla nostra maglia?

Ad essere sincero non ho un ricordo particolare ma una serie di bei momenti, probabilmente l'ultima annata è stata la più bella perché anche se non siamo riusciti a vincere il titolo abbiamo fatto un bellissimo cammino, denso di emozioni fino alla semifinale, dove purtroppo il nostro sogno è finito.

Secondo te qual è la vera forza di una società come Accademia?

Sicuramente la forza di questa società è una persona come il Presidente, ma voglio anche ringraziare il direttore sportivo Vincenzo Tridico perché ha contribuito tanto nella mia crescita così come mister Chieppa che mi ha aiutato in questo cammino.

C'è un calciatore a cui ti ispiri?

Adesso che sono alla Virtus sto giocando come terzino, di conseguenza se devo indicare un giocatore in quel ruolo a cui mi ispiro è sicuramente Maicon.