Accademia Internazionale Calcio

Scarica l'App per la migliore esperienza su mobile e ricevi tutti gli aggiornamenti!

Scarica

01

Apr

A tu per tu con i portieri dei Giovanissimi 2007

Ultimo Appuntamento della nuova rubrica targata Accademia volta a conoscere meglio i vari volti dei ragazzi dell'Agonistica. Nell'ultima puntata di questa settimana facciamo la conoscenza dei due estremi difensori della categoria Giovanissimi 2007 allenata da Mister Soresini: Andrea Mastroianni e Simone Rizza. Di seguito ecco le loro risposte alle varie domande postegli...risposte da veri numeri uno!

Raccontaci la tua squadra

Andrea: La mia squadra è molto interessante sia a livello individuale sia come collettivo. Un aspetto che voglio sottolineare è che in qualsiasi difficoltà ci supportiamo sempre. Mi dispiace che quest’anno non abbiamo potuto giocare tanto assieme perché sarebbe stata una grande esperienza.

Simone: Siamo una squadra davvero molto unita anche se ci conosciamo da poco tempo. Lavoriamo sempre molto duramente per vincere ogni singola partita.

Perché hai deciso di diventare un portiere?

Andrea: In verità non ho deciso di fare il portiere ma è successo per caso: in una partita mancava il portiere e allora il mister ha deciso di mandare me fra i pali. Da quel momento in poi ho continuato su questa strada.

Simone: Fin dalla mia prima partita disputata in porta ho capito subito che il ruolo del portiere era difficile ma molto divertente. Mi sono affezionato subito al ruolo è da quel giorno non ho mai cambiato.

Quali sono le caratteristiche che dovrebbe avere un buon portiere? E quali sono i tuoi punti di forza?

Andrea: Per me devi avere una caratteristica che ti differenzi da altri portieri. Penso che il mio punto di forza sia la determinazione unita alla mia capacità di non farmi abbattere da nessuno.

Simone: A parer mio il portiere ideale dovrebbe essere sicuro di sé, avere un ottimo slancio e saper giocare anche con i piedi. Per quanto riguarda le mie qualità penso di avere un buon slancio unito ad una buona dose di “cattiveria” nell’andare a prendere ogni pallone.

Chi è il tuo idolo?

Andrea: Ho tre idoli ma il primo in assoluto è sicuramente Iker Casillas sia per la persona che è ma anche per lo stile che mostrava quando giocava.

Simone: La persona e portiere a cui mi ispiro è Jan Oblak (portiere dell’Atletico Madrid) mentre il mio idolo in assoluto è Samuel Eto’o.

Qual è il tuo sogno nel cassetto per il futuro?

Andrea: Il mio sogno è quello di diventare uno dei portieri più forti al mondo.

Simone: Il mio sogno nel cassetto è fare della mia passione il mio lavoro…quindi diventare un calciatore professionista!

#weareaccademia